Primo articolo – Fare un blog di successo

Caro Lettore,

L’articolo che posso definire come il primo, in quanto l’articolo dal titolo “Ciao mondo, sono V.G.Panzera”, non lo ritengo un vero un proprio articolo ma una presentazione lo dedicherò alle domande che mi si pongono nello scrivere e mantenere il blog.


Ogni quanto collegarsi? Domanda che a prima vista sembrerebbe non essere difficile, ma che con un ragionamento più attentato lo diventa: il tempo da concedere al blog, per il momento, mi è limitato, po1373960337722iché sto cercando di inserirmi oramai da due mesi nel mondo del lavoro con ogni sorta di stratagemma; ma tutto ciò che faccio è vano. Comunque affermo che il tempo che dedicherò al blog sarà di un’ora al dì;

Quanti articoli scrivere? Inutile perdersi in ciance, in quanto la domanda è simile a quella precedente,
però bisogna comunque farla perché il numero degli articoli influenzerà levisualizzazioni. Uno o due articoli al giorno dovrebbero bastare per allargare il mio blog, in modo abbastanza veloce;

Come scrivere? Domanda importantissima, perché in essa si comprende quanto lo il web-writer sia davvero bravo o meno a fare il suo lavoro. Rispondo che intendo scrivere in modo chiaro e comprensibile, con un po’ di fantasia e che coinvolgendo il Lettore;

Cosa scrivere? Gli argomenti che tratterrò saranno principalmente i libri, ma mi divertirò a sbizzarrirmi in tutto, poiché anche trattare i diversi argomenti incide positivamente sul mio blog;

Che rapportare avere con il Lettore? Ovvio che si deve avere un rapporto con il Lettore, perché esso è importante per il blog. Ma come dev’essere il rapporto? Sicuramente, tra e me il Lettore dovrà essere trasparente e chiaro, perfino offensivo (da parte suuomo_arrabbiato_irritato_urlo_urlaa) se è il caso, in quanto chi ti vuol bene ti fa piangere;

Quanto dare retta al Lettore? Ci sono lettori e Lettori: i primi sono coloro che passano, danno un’occhiata al blog e poi volano via, commentando in modo negativo o positivo; poi ci sono i secondi, coloro con il quale sei cresciuto e ti seguono da tutta una vita e, come i primi, commentano in modo positivo o negativo. Gli ultimi, sperando che facciano critiche costruttive, vanno ascoltati più dei primi;


Voi cosa ne pensate? Faccio bene o male? Come agireste voi?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...